Sono tredici le aziende coinvolte nel progetto “AI-Textiles” promosso dall’Università di Cagliari e da Sardegna Ricerche per le ricerche sui tessuti intelligenti.

Con AI-Textiles intendiamo capi d’abbigliamento capaci di riconoscere la temperatura del corpo e di reagire di conseguenza: le fibre di questo tessuto sono in grado di allentarsi quando si sente caldo e di serrarsi quando il corpo inizia a raffreddarsi.

Abiti di questo tipo esistono da tempo, e vengono utilizzati perlopiù negli ambiti sportivi, si chiamano tessuti intelligenti: sono il punto d’incontro tra le fibre e i dispositivi elettronici. 

Il mercato globale dei tessuti intelligenti è in rapida evoluzione e questo cluster top-down promosso dall’Università di Cagliari e da Sardegna Ricerche, ovvero un piano di lavoro in cui le competenze degli organismi di ricerca vengono trasferite alle imprese, ha l’obiettivo di fornire alle aziende gli strumenti per sviluppare competenze avanzate nell’ambito dei tessuti intelligenti e delle tecnologie legate all’intelligenza artificiale, da cui partire per sviluppare idee, soluzioni e prodotti innovativi in risposta alle crescenti richieste del mercato. 

Il progetto vuole formare le aziende coinvolte con un approccio di learning by doing per lo sviluppo di nuovi prodotti e per il miglioramento dei processi in atto, con la convinzione che questo possa garantire alle aziende di fare economia ma anche di aprire nuove prospettive di mercato.

In un paese dove il tessile è un settore di primaria importanza, anche la produzione deve essere all’avanguardia. DELTA2 Oleodinamica con i suoi impianti e sistemi oleodinamici realizza componenti di alta qualità per i macchinari tessili, assicurando un servizio post-vendita con interventi di assistenza ed avviamento presso il cliente.

Previous articleRivoluzione Automotive: le auto elettriche si ricaricano in 15 secondi
Next article60° Salone Nautico: edizione simbolo di coraggio e qualità italiana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here