Il boom degli acquisti online tramite e-commerce ha aumentato la quantità di imballaggi da smaltire sia per le aziende sia per i consumatori, di conseguenza molte realtà che operano nella logistica hanno deciso di rendere i loro packaging più sostenibili così da ridurne l’impatto ambientale.

Già prima dell’arrivo della pandemia, le aziende attive nel settore della logistica stavano utilizzando materiali green per la produzione del packaging ecosostenibili; puoi leggere questo articolo al riguardo: La sfida del packaging ecologico in azienda.

Una scelta che in questi mesi si è rivelata ancora più importante data la crescita dei volumi in entrata e in uscita dai magazzini.
I nuovi imballaggi vengono scelti sia per l’utilizzo di materiali riciclabili sia per la semplicità d’uso e di smaltimento ma anche pensando all’ottimizzazione degli ingombri.

Una scelta, quella del packaging sostenibile, che non solo risponde alle richieste dei consumatori ma che aiuta a gestire al meglio gli spazi e di conseguenza anche le risorse economiche. Infatti una ricerca effettuata da Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi, dimostra come il 37% dei consumatori nel momento dell’acquisto valuta il packaging e l’attenzione dei venditori all’impatto ambientale.

Molte aziende hanno sviluppato portfolio e processi certificati secondo i più rigidi standard per la sostenibilità ambientale; una scelta che nella maggior parte dei casi ha superato anche le richieste delle normative in materia.

Comieco, in collaborazione con Netcomm, ha pubblicato il documento: “Linee guida e checklist per il corretto uso del packaging per l’e-commerce ai fini della sostenibilità ambientale”, per supportare le aziende della logistica nella scelta consapevole degli imballaggi per le loro spedizioni.

Quali sono le caratteristiche affinchè un’azienda si possa annoverare tra quelle che producono un packaging ecosostenibile?

  1. Occorre che utilizzi imballaggi facilmente riciclabili, eco-sostenibili, rinnovabili e riutilizzabili;
  2. Deve ottimizzare il consumo di imballaggi e attivare un processo di miglioramento continuo;
  3. Deve verificare sempre l’applicazione della Direttiva Europea sugli imballaggi e sui rifiuti relativi;
  4. Dovrebbe sensibilizzare e coinvolgere i clienti nell’ottimizzazione del packaging;
  5. Deve utilizzare imballaggi riutilizzabili per il reso della merce;
  6. Dovrebbe avvalersi di partner logistici e di trasporto più opportuni ai fini della sostenibilità ambientale;
  7. Occorre che sensibilizzi i produttori nel progettare i prodotti e i loro imballaggi per l’e-commerce;
  8. Deve verificare sempre l’applicazione di tutte le normative per la sicurezza connesse al packaging.

DELTA2 Oleodinamica è attiva da oltre 30 anni nel campo dell’impiantistica oleodinamica e per il settore del packaging offre un’ampia gamma di prodotti. DELTA2 Oleodinamica pone un’attenzione particolare anche alle tematiche relative all’economia circolare e alla sostenibilità delle operazioni di produzione.

Previous articleCome i sensori intelligenti possono cambiare l’industria oleodinamica
Next articleHai bisogno di sostituire una valvola del tuo impianto oleodinamico?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here