Il segmento Carta, ad uso domestico e igienico sanitario, ha assunto un peso molto rilevante, nel settore del professional cleaning, con un incremento, negli ultimi anni, significativo, sia in termini di fatturato che di volume di affari.

Inoltre, l’emergenza scaturita dal COVID19, pur nelle grandi difficoltà che le aziende hanno dovuto affrontare, riorganizzando e aumentando la produzione, non ha fatto altro che esaltare l’importanza sempre più strategica di questo segmento. 

La produzione nazionale di prodotti in carta per uso domestico e igienico sanitario, in questo momento, ha mostrato un rallentamento, sia in termini quantitativi che di fatturato, ma si confermano di rilievo gli investimenti sulla sostenibilità ambientale, come ad esempio la certificazione delle cellulose, l’attenzione agli scarichi delle acque, la riduzione volontaria delle emissioni di CO2 da parte delle principali aziende, anche di media dimensione. Le importazioni, riguardando circa il 14% dei consumi sia a valore sia in quantità, nel 2019 si sono mantenute poco più che stabili dopo l’aumento del 2017 e del 2018, e il saldo commerciale è perciò confortante.

Italia leader in Europa nella produzione di tissue

Dal punto di vista della produzione del settore tissue, l’Italia è al primo posto nella classifica dei paesi europei seguita da vicino dalla Germania: le esportazioni di questi due Paesi raggiungono quasi il 60% del fatturato.

Le esportazioni, che comprendono sia prodotto finito sia bobine destinate al converting, hanno evidenziato una crescita: +3,1%in volume e +2,8% in valore; l’incidenza dell’export sulla produzione è in crescita al 59,3%. Le importazioni, che coprono il 13,8% dei consumi in volume, nel 2018 sono cresciute dell’11,8%, riguardando soprattutto carta per tovaglioli o per asciugamani diretti alla ristorazione.

Un “mondo” altamente tecnologico, composto da realtà all’avanguardia

Nelle analisi si considera la produzione di carta e prodotti in carta per usi igienico-sanitari: l’italia è il primo produttore in Europa con il 20,8% seguita da vicino dalla Germania (20%) e a notevole distanza da Francia, Polonia, Regno Unito e Spagna; di rilievo la crescita della produzione in Polonia, paese in cui alcuni grossi produttori hanno spostato la loro attività. Quello del tissue rappresenta oggi un mondo altamente tecnologico, composto da realtà innovative e all’avanguardia che hanno dato concreta dimostrazione di cosa sia il Made in Italy.

L’attenzione posta dagli imprenditori nel campo della carta verso l’ambiente e la tecnologia, rende fondamentale la presenza di componenti garantite e di massima qualità. Le centraline oleodinamiche di DELTA2 Oleodinamica sono le migliori componenti per garantire al cliente il massimo della funzionalità, grazie anche al servizio post-vendita dedicato.

Previous articleI nuovi trend del Food & Beverage
Next articleEcobonus per le auto non inquinanti, facciamo chiarezza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here