I player dell’industria della gomma e della plastica stanno lavorando attivamente per la costruzione di un percorso capace di coniugare innovazione e sostenibilità ambientale, sociale, ma anche economica.

Sono molteplici le iniziative che stanno andando incontro a questa esigenza, tra cui la piattaforma di lavoro P4P (Plastics for People, Plastics for Planet), progetto lanciato dalla Federazione Gomma Plastica e Unionplast con l’obiettivo di promuovere l’impiego di plastica riciclata di qualità, l’ecodesign e l’industrializzazione sostenibile.

La Federazione è promotore anche di un altro progetto: un credito d’imposta per le imprese che utilizzano il 30% di plastica riciclata nei propri prodotti. Questo strumento permetterebbe il rilascio di nuove energie e di investimenti che potenzierebbero lo sviluppo sostenibile dell’industria e la sua competitività a livello internazionale.

La rigenerazione e il riciclo riguardano molto da vicino l’industria della gomma, infatti, sono state messe a punto e testate superfici sportive realizzate con PFU (pneumatici fuori uso) particolarmente innovative e performanti. 

Sono in studio e in fase di test anche innovativi compound formati da polverino di gomma riciclata e resine termoplastiche riciclate, in grado di esaltare le caratteristiche insonorizzanti e antiurto dei materiali.

DELTA2 Oleodinamica è un’azienda italiana che è al vostro servizio, anche nel settore della gomma e della plastica, per la produzione e la progettazione di centraline oleodinamiche che meglio di adattano alle vostre esigenze.

Hai bisogno di un consulto? Scrivici o compila il modulo che trovi di seguito!

Hai bisogno di una consulenza per la tua centralina oleodinamica?

DELTA2 Oleodinamica ha la risposta per qualsiasi tua esigenza! Non esitare a contattare i nostri tecnici!










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    Previous articleTorna il Salone dell’edilizia con MECI 2020
    Next articleEmergenza Coronavirus: tentiamo di fare chiarezza

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here