Il settore tessile è da sempre fondamentale per l’economia italiana e i recenti dati continuano a dimostrare l’importanza della moda italiana nel mondo.

In Italia sono 67mila le imprese del comparto tessile, che nell’insieme, impiegano 670mila persone, con un fatturato di 95,5 miliardi di euro.

I risultati per il 2018 hanno mostrato l’export salire del 2,7%. Il tessile-abbigliamento vale il 49,6% del totale. Segue il comparto calzaturiero (15,1%), la pelletteria (12,9%), oreficeria (10,2%) occhialeria (6%), concia e pelletteria (6%).

Nel primo trimestre del 2019 le esportazioni sono ulteriormente cresciute, registrando un +5,6%. Le esportazioni vanno in misura quasi uguale in Europa e extra UE, anche se la Svizzera è diventata il principale acquirente, seguita dai mercati francesi e americani. Anche la Cina e il mercato arabo continuano ad apprezzare la moda italiana, con ordini in costante crescita.

Forti della loro portata economica, le aziende del tessile, moda & accessori si sono riuniti in “Confindustria Moda” per promuovere la qualità del MadeInItaly nel mondo, così da incentivare l’export e soprattutto chiedere maggiori attenzioni al governo nazionale.

In un paese dove il tessile è un settore di primaria importanza, anche la produzione deve essere all’avanguardia. DELTA2 con i suoi impianti e sistemi oleodinamici realizza componenti di alta qualità per i macchinari tessili, assicurando un servizio post-vendita con interventi di assistenza ed avviamento presso il cliente.

Previous articleL’ABC dell’oleodinamica: cosa sono le centraline
Next articleIl settore dell’oleodinamica in Italia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here