Secondo il CONAI, Consorzio privato senza scopo di lucro che costituisce, in Italia, uno strumento attraverso cui personaggi attivi nel settore degli imballaggi garantiscono il raggiungimento degli obiettivi di riciclo e recupero dei rifiuti di imballaggi, sancisce che la via per progettare il futuro per minimizzare l’impatto ambientale del packaging è la prevenzione.

Il supporto alle imprese, la promozione di interventi in grado di ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi sono le vie da percorrere maggiormente anche tramite:

  • iniziative strutturali: tramite formule premianti in caso di applicazioni di iniziative nobili che incentivano il riciclo e gli imballaggi da rendere;
  • iniziative di sensibilizzazione: progetti per diffondere tra le imprese il concetto di prevenzione dell’impatto ambientale e per supportarle nel percorso di miglioramento delle prestazioni ambientali dei propri imballaggi lungo l’intero ciclo di vita dell’imballaggio, a partire dalla fase di progettazione.

E’ importante porre attenzione su tutte le fasi del ciclo di vita dell’imballaggio, al fine di generare un ciclo virtuoso potenzialmente infinito e realizzare concretamente l’economia circolare. Occorre lavorare innanzitutto sull’imballaggio, risparmiando sulla materia prima, riutilizzando gli imballaggi, ottimizzando la logistica, facilitando le attività di riciclo, semplificando il sistema di imballo e lavorando sull’ecodesign e su una progettazione e ecosostenibile.

E’ importante procedere con una raccolta differenziata di qualità e sostenibile, grazie alla quale riuscire è possibile ottenere uno sviluppo della raccolta differenziata e una sostanziale riduzione dei rifiuti in discarica e un aumento della disponibilità delle nuove risorse.

DELTA2 Oleodinamica è attiva da oltre 30 anni nel campo dell’impiantistica oleodinamica e per il settore del packaging offre un’ampia gamma di prodotti. DELTA2 Oleodinamica pone un’attenzione particolare anche alle tematiche relative all’economia circolare e alla sostenibilità delle operazioni di produzione.

Previous articleIl reparto di Ricerca e Sviluppo nella realtà di DELTA2 Oleodinamica
Next articleExport alimentare cresce dell’80%

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here