Nel settore dell’industria tessile, gli obiettivi del Fashion Pact sono giustamente ambizioni e si concentrano sulla salvaguardia del pianeta: primo tra tutti arrestare il riscaldamento globale, creando e implementando un piano di azione per azzerare le emissioni di gas serra entro 2050, al fine di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1.5 gradi, tra il 2020 e il 2100. 

Il Presidente francese Macron, ha incaricato François-Henri Pinault, Presidente e ceo di Kering di riunire e coinvolgere gli attori più importanti nel campo della moda e del tessile, con la finalità di definire obiettivi concreti per la riduzione dell’impatto ecologico causato da questo settore. 

Molti dei più grandi marchi a livello globale, tra cui Burberry, Chanel, Prada e tanti altri,  hanno sottoscritto a Parigi, alla presenza anche del ministro dell’economia e delle finanze Bruno Le Marie, del Lavoro Muriel Pènicaud, e del vice ministro della Transazione ecologica e solidale Brune Poirson, il Fashion Pact che vanta obiettivi di tutto rispetto tra cui: 

  • ripristinare la biodiversità per ristabilire gli ecosistemi naturali e proteggere la specie
  • proteggere gli oceani stessi tramite la riduzione di plastica monouso.

In un paese dove il tessile è un settore di primaria importanza, anche la produzione deve essere all’avanguardia. DELTA2 Oleodinamica con i suoi impianti e sistemi oleodinamici realizza componenti di alta qualità per i macchinari tessili, assicurando un servizio post-vendita con interventi di assistenza ed avviamento presso il cliente.

Previous articleL’ABC dell’oleodinamica: i tipi di filtri di un impianto oleodinamico, facciamo chiarezza!
Next articleIl packaging del 2020 dice addio alla plastica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here