Gli incentivi fiscali per il recupero edilizio e per la riqualificazione energetica hanno interessato dal 1998 al 2019, 19,5 milioni di interventi, ossia, oltre il 62,5% delle abitazioni sono state oggetto di interventi di rinnovo, oltre il 62,5% delle abitazioni italiane stimate dall’ISTAT.

L’Ufficio Studi della Camera dei Deputati in collaborazione con il CRESME (Centro ricerche economiche sociali di mercato per l’edilizia e il territorio) hanno, infatti, realizzato l’aggiornamento della stima dell’impatto delle detrazioni fiscali per il recupero e la ristrutturazione edilizia e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. 

Si evince che in 20 anni le misure di incentivazione fiscale abbiano attivato investimenti pari a quasi 322 miliardi di euro.

I dati del 2018 e del 2019 illustrano come le misure di incentivazione abbiano attivato importanti volumi di investimenti a partire dal 2013, con il picco significativamente visibile nel 2018 e 2019, attribuibile anche all’inizio degli effetti prodotti dai nuovi incentivi.

L’analisi dei dati dal punto di vista territoriale, conferma il maggior ricorso agli incentivi da parte delle regioni del Nord-ovest, dove si sono concentrati il 38% degli importi in detrazione per quanto riguarda il recupero edilizio e il 42% degli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica.

DELTA2 Oleodinamica, leader da oltre 30 anni nel settore della progettazione di centraline oleodinamiche e nell’ambito del fluid power, è attiva anche nel campo dell’edilizia, con un team di tecnici e di consulenti altamente specializzati pronti a fornire informazioni e progetti completamente custom made. Contattaci per scoprire di più!

Previous articleQuali sono le opportunità che offrono le aree boschive all’industria energetica?
Next articleDELTA2 Oleodinamica è distributore ufficiale del marchio DUPLOMATIC MOTION SOLUTIONS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here