Il mercato delle auto elettriche in Italia è in forte crescita: i dati più recenti, relativi ad agosto 2020, mostrano come gli Hybrid Electric Vehicle, abbiano fatto segnare una crescita del 227,2%, le Plug-in Hybrid del 420% e le Battery Electric Vehicles – BEV del 249,5%.

Questi dati mostrano un fortissimo interesse del mercato verso questo tipo di settore automobilistico, anche se uno dei pochi deterrenti della maggior parte delle persone interessate ad un acquisto di questo tipo è il tempo di attesa di ricarica della batteria, solitamente molto lungo.

Ma la rivoluzione nel settore automotive sta arrivando e riguarda le auto elettriche, con batterie capaci di ricaricarsi in 15 secondi.

Questo tipo di batterie per auto elettriche, incredibilmente rapide in fase di ricarica, è stato progettato da un’azienda tedesca fondata nel 2009 che si occupa di sviluppare ultracondensatori al grafene: in particolare, queste batterie, si basano su quello che definiscono “grafene curvo”.

Quello che l’azienda tedesca chiama “grafene curvo” è un materiale proprietario, precursore inorganico utilizzato per la realizzazione di alcuni tipi di ultracondensatori. Il nome del prodotto è SuperBattery e, grazie alle proprietà di questo materiale, si riesce a ricaricarlo senza la necessità di avere reazioni chimiche. La ricarica avviene in 15 secondi e, inoltre, sembra che le batterie garantiscano una durata molto elevata nel corso del tempo.

SuperBattery sembra essere un punto di svolta per l’industria automobilistica. Queste nuove batterie presentano una serie di caratteristiche notevoli: alta densità di energia e potenza, brevissima durata di ricarica (15 secondi). Il progetto SuperBattery può evitare il tipico sovradimensionamento delle batterie e dei corrispondenti sistemi di raffreddamento, il che porta a costi notevolmente inferiori e a una maggiore durata dei sistemi. 
DELTA2 Oleodinamica offre consulenza e centraline oleodinamiche custom made per ogni tipo di esigenza e richiesta del mondo dell’automotive. Clicca qui per scoprire i servizi e le competenze del team di DELTA2 Oleodinamica.

Previous articleL’ABC dell’oleodinamica: come scegliere una centralina oleodinamica in base al suo utilizzo
Next articleDalla Sardegna, una nuova scoperta: i tessuti intelligenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here